Type and press Enter.

Fashion Lab | il futuro della moda italiana

Fashion Lab il futuro della moda italiana

Tra le varie iniziative che supportano i talenti emergenti, pochi giorni fa è stata presentata Fashion Lab. L’iniziativa rientra nel più ampio progetto con cui, dallo scorso 18 settembre, UniCredit è diventata “Official Sponsor” di Camera Nazionale della Moda Italiana per i prossimi quattro anni, con l’obiettivo di sostenere uno dei settori chiave del Made in Italy e simbolo di eccellenza del nostro Paese. Con Fashion Lab si vogliono supportare i talenti emergenti secondo un approccio pragmatico attraverso un percorso di formazione e consulenza  : si inizia il 26 gennaio con la Fashion Academy, il training manageriale per la costruzione di un business plan e la gestione del canale e-commerce e dei nuovi mercati; il  13 aprile si terrà l’Innovation Day, un incontro tra i designer e le più innovative start up hi-tech di Unicredit Start Lab; il 26 maggio ci sarà poi l’incontro B2B con selezionati buyer internazionali,  infine il 13 dicembre 2016 l’Investor Day ossia la presentazione delle aziende ad investitori del settore.

ObFashion present FashionLab

Per la prima edizione del programma ecco i diciotto brand emergenti selezionati: Alberto Zambelli, Angelos Bratis, Christian Pellizzari, Damiano Marini, Edithmarcel, Flavialarocca, Giannico, L72, Leitmotiv, Les Petits Joueurs, L’F Shoes, Marcobologna, San Andre’s Milano, Soloviere, Studiopretzel, TF Twins Florence, Vivetta e Voodoo Jewels.

Si punta, dunque, sul futuro della moda italiana, ed è così che si esprime Carlo Capasa, Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana “Facendo tesoro di quello che abbiamo costruito e dell’immenso patrimonio che la moda italiana rappresenta, dobbiamo guardare avanti, cogliendo le sfide rappresentate dal futuro: la sostenibilità, la digitalizzazione, e soprattutto la creazione delle condizioni migliori, affinché i giovani creativi possano portare avanti e rafforzare la grande tradizione della moda italiana nel mondo. Tra heritage e innovation”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *