Intervista a Coolt | borse cool & cult

on Aprile 1, 2019 by Giulia Fucile Leave your thoughts

Coolt? Una combinazione di stili e…parole! Ricordano dei cult ma sono anche così… cool! Le borse create dalle due sorelle Eleonora ed Eugenia D’Ambrosio De Dominicis uniscono con armonia ispirazioni, culture e tradizioni diverse rinnovandole e rieditandole con una cifra stilistica esclusiva e originale. In una parola, Coolt. Modelli iconici vivono di una nuova bellezza, sfidando la temporalità ed entrando in uno spazio dove la forma non perde mai di vista la qualità. Eleonora ed Eugenia ci sorridono, accogliendoci con classe e gentilezza tra le loro creazioni. Il brand, le lavorazioni, l’ultima collezione…Tra uno scambio di battute, domande e risposte Coolt si racconta.

Guardando le vostre borse sembra davvero di partire per un lungo viaggio. Vedere posti lontani, percorrere paesaggi diversi. Ma tutte le storie hanno un inizio, svelateci il vostro, o meglio quello di Coolt…“Abbiamo creato Coolt nel 2016: il suo nome è un elogio alle contrapposizioni, in lui stesso convivono armoniosamente due termini apparentemente opposti, cool e cult. Le forme iconiche e i grandi classici vengono infatti costantemente rivoluzionati, contaminati da dettagli multiculturali e da ispirazioni provenienti da culture diverse, rinnovando e creando così novità. Il viaggio ed il nomadismo sono tratti essenziali del nostro brand, che incontrano allo stesso tempo la forza di una bellezza che dura nel tempo.”

Una delle vostre borse icona è stata proprio la prima che avete creato, la Bobos, giusto? “Sì, siamo partite proprio da questo monoprodotto. Il suo nome deriva dallo studio dell’opera sociologica di Davis Brooks, che con questo termine indicava la nuova generazione di Wall Street che andava a lavoro in bicicletta: il mondo dell’impresa capitalistica con una visione della vita bohemian. La Bobos nasce dal concetto e dalla forma della tradizionale busta della spesa ma reinterpretata nei materiali e nelle destinazioni d’uso.”

Vediamo qui la vostra ultima collezione, quali sono le sue caratteristiche principali? “Fedeli alla nostra identità, anche questa collezione è viaggiatrice. Nomade Moderna. Alla Bobos abbiamo aggiunto dettagli utility come le tasche, mentre le nappe che impreziosiscono per esempio la Gitane, riconoscibile nella sua forma circolare, sono montate a mano con un antico intreccio Azteco.”

Coolt viene realizzato proprio nella vostra terra d’origine, l’Abruzzo. Avete davvero un legame speciale con questo territorio…“Sì la produzione è interamente made in Italy e si basa sul settore produttivo abruzzese. Crediamo nel savoir-faire, nell’esperienza e nella professionalità degli artigiani e imprenditori locali”.

Cosa rappresenta oggi la borsa per voi? “È identità, è un oggetto che caratterizza la persona e i suoi atteggiamenti, è un segno distintivo e riconoscibile. La borsa è legata al proprio stile, che dura nel tempo.”

Per info & contatti www.coolt.it

You Might Also Like

Look di Cettina Bucca: cappotto viola con bottoni rossi sovrapposto ad un abito stampato
CETTINA BUCCA | un racconto, una collezione, un sogno
on Ottobre 17, 2019
Borsa di Nicole Leòn: borsa convertibile in zaino, modello Nirvana, in pelle di vitello bottalata color latte.
Nicole Leòn | quando la versatilità diventa un’arte
on Ottobre 15, 2019
Look di The Al: vestito nero lungo in pelle
The Al | la pelle, un must nel guardaroba femminile
on Ottobre 14, 2019
Intervista a Luisa Tratzi | tutto parte…dalle scarpe!
on Ottobre 13, 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *