Luca Sciascia | trasposizione contemporanee

on Agosto 11, 2016 by Leave your thoughts

Luca Sciascia: pura, irrefrenabile sperimentazione.  Questa la chiave di lettura del brand nato nel 2014 dal suo omonimo creatore. Stile come contaminazione, mix&match di elementi, diversi ma così perfetti se mescolati secondo i dettami di questo interessante marchio emergente del Made in Italy. Ogni certezza vacilla, tutto si mette e rimette in discussione alla ricerca di un’ alternativa, un differente modo di essere, di approcciarsi. Luca Sciascia è il collante delle disparate parole comprensibili solo se pronunciate insieme, nel loro eclettico ma stesso linguaggio. Niente è inconciliabile, niente impossibile.

Dopo aver frequentato nella sua città natale, Torino, l’Accademia delle Belle Arti studiando scenografia ed essersi poi specializzato allo IED in Fashion Textile&Design, Luca Sciascia amplia le sue esperienze formative con Etro nella realizzazione di copricapo e con importanti teatri creando parrucche. Inoltre molte le collaborazioni con aziende, sia italiane che internazionali, occupandosi non solo della progettazione delle collezioni ma anche della ricerca dei tessuti, dello sviluppo delle stampe.

Un brand ambizioso non soltanto di esplorare ma creare l’ignoto, pronto a scendere a compromessi purchè estremi, mai visti. Il talento ha portato Luca Sciascia dritto dritto tra la rosa degli eccellenti finalisti di Who Is On Next?2015, facendo qui sfilare il miglior lato di sé. Capi come disegni di una filosofia pronta a dichiararsi in tutta la sua unicità, consapevole bellezza. Ed adesso Sciascia colpisce ancora. Nella collezione Autunno – Inverno 2016-17 “Promise Me” resta fedele a se stesso mescolando fantasiosi immaginari per un risultato più che vincente. Il pop si tinge di colori ad alto contenuto glicemico, come il rosa baby , il giallo limone o il celeste polvere, resi ancora più zuccherini nei capispalla avvolgenti anni ’50 o nelle ironiche stampe. Per una giocosità coinvolgente, a tratti più fantastica che reale. Colletti bon ton si posano su abiti strutturati ma alquanto dinamici, con gonne dal retrogusto passato ma ora qui sorprendentemente attuali.

Trasposizione contemporanea. E poi inaspettatamente il nero, l’antracite, il platino, l’ecrù, cascate di paillettes, l’eccentricità degli spalmati. Volumi oversize, maxi pull si uniscono a capi più slim; fluttuanti lunghezze si alternano a mini dress dall’animo glam ma strong.  Per una donna dalle mille sfumature, dotata della facoltà di scegliere chi voler essere senza mai intelligentemente perdere di vista sé stessa e la sua verità.  Per ritrovare nel gioco degli specchi molti divertenti riflessi ma una sola lei. Un solo stile. Luca Sciascia. Per lucasciascia.com

Giulia Fucile

Credit Photo: Salvatore Dragone – Gianluca Palma – Luca Sorrentino

You Might Also Like

borsa di Kristina C: capiente borsa a sacco in pelle nera arricciata con manici amovibili di metallo
KRISTINA C | l’incanto di una borsa gioiello
on Novembre 15, 2019
Il modello indossa dolcevita color nocciola con cappotto sartoriale marrone doppio petto
Intervista a Programma | minimalismo eco sostenibile
on Novembre 14, 2019
Copertina Materiali Alternativi
The look | materiali alternativi, brand innovativi!
on Novembre 13, 2019
Look di Çamarche: il modello indossa una camicia a quadri rosso-nera
ÇAMARCHE | un orizzonte genderless
on Novembre 12, 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *