Materiali | tutti quelli che non ti aspetteresti di trovare nel tuo guardaroba!

on Agosto 10, 2020 by Contributor Leave your thoughts

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Anche nella moda. Ebbene si perché nelle ultime stagioni questo mondo e più nello specifico i brand di nicchia hanno prestato maggiore attenzione all’ambiente, al tema del riciclo e del non spreco. Abbiamo scovato per voi alcuni marchi emergenti che oltre ad essere made in Italy si differenziano dagli altri per l’utilizzo di materiali speciali. Curiosi nel ricercare e intraprendenti nello sperimentare nuove materie prime, creano pezzi esclusivi nella forma e nella sostanza. Capi, borse, accessori davvero unici realizzati con materiali che proprio non ti aspetti!

Adelaide C.

Le sue borse sono un mix esplosivo di colore e design. Questo innovativo brand made in Italy é riuscito con avanguardia e tantissima ricerca ad unire il fashion con la sostenibilità creando borse interamente green. Le radici e le tradizioni sarde sono state il punto di partenza per la scelta di lavorazioni e materiali. L’ingrediente nobile e segreto del brand é infatti il sughero, immancabile nelle borse Adelaide C., insieme a materiali vegetali ed ecologici come la nappa a base acquosa 100% riciclata dalla plastica o il Pinatax che deriva dalla lavorazione delle foglie dell’ananas. Insomma un brand che fa bene al tuo stile e all’ambiente!

Ambra Castello

Nei suoi intrecci si nasconde davvero qualcosa di incredibile: un’arte e una tradizione a cui la designer dedica tanta ricerca, passione e tempo. Ambra Castello con la sua collezione ACA crea infatti dei prodotti che non nascono dal taglio di un tessuto ma da un solo filo di nylon che viene intrecciato a mano. Un processo lungo, minuzioso che rifugge dalle tendenze in nome di un’esclusività vera ed amica dell’ambiente. Il brand fondato dall’omonima e talentuosa designer siciliana si schiera contro la produzione massiva producendo pochissimi pezzi per ogni prodotto o pezzi unici. Inoltre il marchio si impegna a recuperare i capi che le sue clienti non usano più riutilizzandone il filato e rigenerandolo.

Fili Pari

Altro brand, altro sorprendente materiale. L’alta qualità della manifattura, lo stile e le performance tecniche sono parte integranti di capi minimali nelle forme ma curati nei dettagli. Il valore aggiunto delle creazioni Fili Pari si nasconde però proprio nella loro atipica essenza, una polvere magica che rende questi capi assolutamente unici. Di cosa si tratta? L’innovativo marchio veronese ha dopo molti studi e ricerche ottenuto la sua materia prima combinando la polvere di marmo con il tessuto. Avete sentito anzi letto bene: Fili Pari ha reso il marmo indossabile!

Fuscra

La passione per la natura incontra quella per il design. Nelle borse Fuscra ci sta dentro tutto e solo il meglio dell’estetica e dell’etica: come piccole sculture indossabili questi accessori esclusivi sono fatti con materiali pregiati e ricercati, disegnati in forme eleganti e minimali. Ogni borsa ha un profumo, un colore, una vivacità tutta sua proprio come… il legno con cui è fatta. Un accessorio unico e artigianale che non può proprio mancare nel tuo guardaroba.

Meraky

Ma il nostro viaggio nei materiali inaspettati continua con Meraky, un brand made in Italy che sa guardare oltre. Attento all’ambiente, allo stile e all’artigianalità, questo innovativo marchio di borse trasforma il materiale destinato al macero in un qualcosa di esclusivo. Le sue borse hanno un sapore nuovo, un aroma diverso: ebbene sì perché dall’estro e il savoir-faire delle due founder, attraverso un intreccio unico, i sacchetti del caffè diventano l’ingrediente segreto delle Meraky bag.

You Might Also Like

Ambra Castello | i nuovi cerchietti handmade in Sicily!
on Settembre 28, 2020
Capsule wardrobe
Capsule Wardrobe | cos’è e come funziona
on Settembre 26, 2020
milano fashion week settembre 2020
Milano Fashion Week settembre 2020 | grande spazio ai nuovi brand
on Settembre 24, 2020
trenchcoat yekaterina ivankova
WHITE MILANO 2020 | tra made in italy, sostenibilità e digital
on Settembre 23, 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *