Type and press Enter.

Pitti Uomo 89 | Pitti Italics supporta le nuove generazioni

Pitti Uomo 89 | Pitti Italics supporta le nuove generazioni

Pitti Immagine invade ogni anno Firenze nelle sue due edizioni (gennaio e giugno) come un uragano di freschezza, colori e attualità. In queste occasioni la città di Firenze, capoluogo che vive più di storia che di futuro, si trasforma in una città moderna e con lo stile delle grandi capitali europee: per le vie personaggi noti o sconosciuti con stili arditi e raffinati, eventi in ogni locale, teatro, negozio. Il rischio è quello di fare un overdose di moda nel giro di poche ore, per questo l’approccio, per chi si ferma più giorni, dovrebbe essere quello di visitare padiglione per padiglione con un po’ di calma e magari fare un distinguo fra tutte le proposte delle aziende presenti. Infatti, a fronte di tanti nomi famosi del mondo del fashion, Pitti 89 è anche scoperta, artigianalità e Made In Italy.

Partiamo oggi dal Pitti Italics, il programma della Fondazione Pitti Discovery per promuovere le nuove generazioni di stilisti che progettano e producono in Italia, con una visione però internazionale. Protagonisti selezionati per l’edizione Pitti 89 sono Federico Curradi e Vittorio Branchizio. Federico Curradi, già noto per le sue importanti esperienze in Ermanno Scervino, Roberto Cavalli e Iceberg, ha lanciato in anteprima il suo nuovo brand con una collezione audace presentata attraverso una performance strepitosa ambientata in uno scenario post atomico.

Vittorio Branchizio , vincitore del concorso 2015 Who is on Next ? Uomo è presente negli spazi della Dogana in Via Valfonda. Filati nobili e tecnologie avanzate sono alla base delle creazioni di Vittorio Branchizio, minimalista nelle forme, complesso nella texture e nelle geometrie. Una maglieria fatta di contrasti in cui elementi psichedelici si amalgamano ad elementi classici. Dedicategli il giusto tempo, testate i capi, ammiratene i disegni, poi riposatevi un attimo ai piedi delle istallazioni di Oliviero Baldini: la prossima tappa che vi aspetta è la sezione Make dedicata all’artigianalità e alla voglia di lusso sartoriale.

 

Si ringrazia per le foto AKASTUDIO COLLECTIVE e PROJ3CT STUDIO

Daphne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *